Scarpette

Pantera

La scarpetta più wild

Mangusta

La pantera più fast

Pantera 2.0

Lo strumento per la placca

Pantera Laser

Perfetta per ogni inclinazione

Dagara

Morbida come un guanto

Bat

Precisione con il massimo comfort

Wildclimb

^

Azienda

Chi siamo
^

Pensiero

La nostra filosofia
^

Rivenditori

Negozi e rivenditori

Innovazione

^

Guida alla scelta

Ti aiutiamo a scegliere
^

Tecnologia

Le nostre tecnologie

Wild Stories

^

Ambasciatori

I nostri wild climbers
^

Storie

Racconti e storie selvagge
^

News

Scopri le nostre news
^

Climbeer

Mappe e anagrafe verticale

ACCOUNT

Il mio account

Il mio Carrello

guida alla

SCELTA

Benvenuti! siete alle prime armi? siete esperti? Avete le idee chiare o non ne sapete nulla?

Possiamo seguire due percorsi, ma, se non vi annoia, facciamo finta di non saperne nulla. Partiremo dall’inizio… Sarà forse un giro più lungo ma non rischieremo di perderci in forme e modelli che non si adattano alle nostre esigenze.

guida alla

SCELTA

Benvenuti! siete alle prime armi? siete esperti? Avete le idee chiare o non ne sapete nulla?

Possiamo seguire due percorsi, ma, se non vi annoia, facciamo finta di non saperne nulla. Partiremo dall’inizio… Sarà forse un giro più lungo ma non rischieremo di perderci in forme e modelli che non si adattano alle nostre esigenze.

Facciamo un gioco

Scalzi e in posizione eretta. Tallone appoggiato a una parete. Misuriamo il piede e guardiamone la forma. Con i centimetri ci orientiamo alla taglia, con la forma al modello. 

 

Pensiamo adesso: cosa siamo in grado di fare?  La nostra caratteristica nello scalare? Siamo “sciolti” d’anca? Quanta forza abbiamo nelle nostre dita per far uscire il baricentro dalla parete… e magari realizzare dei mano/piede degni delle foto anni ’80.

Se abbiamo dei dubbi, ci mettiamo “pancia a parete” ed eleviamo lateralmente un piede fingendo di “caricare” in questo tragitto appoggi immaginari. La curva che descrive il piede nel suo alzarsi, è anche il “luogo” in cui si “campiona” la forma che il piede assume per “agganciare” e spingere un appoggio. 

Beninteso: il nostro scopo è utilizzare questi appoggi. Per riuscire a spingere forte su appoggi bassi e vicini all’asse del baricentro non servono forme particolarmente asimmetriche e lontane dalla forma naturale. Al contrario, servono forme estreme e ricurve verso il basso su appoggi alti e molto “aperti” rispetto all’asse longitudinale.

Riassumendo: più il vostro “range” di movimento è elevato, più sarete in grado di sfruttare le forme arcuate e asimmetriche.

WildClimb usa  4 forme, per produrre i suoi “strumenti per l’arrampicata”, per riassumere 4 tipologie di scalatori in base alla loro capacità di utilizzare (alzare) i piedi.

In fondo è semplice… non c’è alcun segreto. È tutto qui.

Taglia

La taglia rimane una nota dolente e non generalizabile…

Per intenderci, ci si può riferire alla conversione centimetri/taglia. La tabella sotto riportata nasce dall’esperienza maturata con  “climber” navigati. Persone con il famoso callo che campeggia fiero sull’alluce. In ogni caso, non c’e rimedio: la forma del piede – greco, egizio, celtico, germanico… – la lunghezza dell’alluce e mille altre particolarità rimandano sempre il verdetto a una prova sul campo.

 

Prova ne sia che la nostra BAT e la sua costruzione “relaxed fit”, con bassi volumi in punta, a parità di cm del piede, si veste meglio con almeno mezza taglia in più… Ulteriore riprova ne sia il fatto che la morbidezza di Dagara permette al piede di entrare in numeri piccolissimi ma… cosi “riempita” perdere la capacita di estendersi verso l’alto nel movimento tipico dell’aggancio di punta. Liberatevi quindi dagli stereotipi che abbinano la performance alla costrizione del piede. Lasciate che sia la scarpa a calzare il vostro piede.  I nostri modelli non “scassano” il tendine, sono poco caricati, per scelta nostra… Non esagerate con il numero piccolo perché farete lavorare male la scarpetta che lascerà dei vuoti sotto il tallone.

Ancora una volta, e a maggior ragione, regolatevi sulla tabella proposta tenendo ben presente che la conversione taglia/centimetri proposta si basa su misurazioni effettuate sui piedi di chi ha preso questa attività in modo sportivo. Se avete piedi “delicati”, guardate alla mezza taglia superiore.

 

Forme e Materiali

Torniamo a noi, a cosa può il nostro corpo, alle sue possibilità elastiche (scioltezza dell’anca) e alla forza/sensibilità dei nostri piedi. Queste caratteristiche orientano il prevalente campo di utilizzo degli appoggi. Per forza di cose, non potrebbe essere altrimenti, quando arrampichiamo privilegiamo le asperità nell’intervallo di spazio che riusciamo a coprire con il “compasso” delle nostre gambe. Le scarpe si scelgono in base a questa logica. WildClimb le ha costruite con questi criteri, campionando la posizione del piede in 4 punti di questo “arco”.

Torniamo a noi, a cosa può il nostro corpo, alle sue possibilità elastiche (scioltezza dell’anca) e alla forza/sensibilità dei nostri piedi. Queste caratteristiche orientano il prevalente campo di utilizzo degli appoggi. Per forza di cose, privilegiamo le asperità nell’intervallo di spazio che riusciamo a coprire con il nostro “compasso” e con la nostra forza. Le scarpe si scelgono in base a questa logica. WildClimb le ha costruite con questi criteri, campionando la posizione del piede in 4 punti di questo “arco”.

PANTERA (tutte) e MANGUSTA vestono il piede in modo ottimale quando questo è giunto al punto massimo di elevazione: molto “camber” e molta asimmetria.
DAGARA e GRIP lavorano bene nella zona intermedia.
BAT si concentra sugli appoggi vicini al baricentro e SKY & GLADIATOR vestono il piede nella posizione “naturale”.
Ogni forma si incarna in microfibre più o meno elastiche e in gomme più o meno performanti.
Si tratta di rispondere con adeguati modelli di scarpe alle varie esigenze particolar. In buona sostanza, per scegliere una scarpa, dovete pensare a voi stessi, a cosa siete capaci di fare, a cosa vi riesce meglio.
Sono strumenti per crescere; le forme di WildClimb non fanno confusione e vi accompagnano nella crescita, del livello di arrampicata, certo, ma anche nella capacità di aprire il ventaglio di possibilità che volta per volta si aprirà davanti a voi quando sarete in grado di valutare, agganciare, valorizzare gli appoggi che la roccia vi propone.

Featured products

Asimmetrica come "Pantera" in tutte le sue incarnazioni, moderatamente asimmetrica come la morbidissima "Dagara", calzata naturale e confortevole per la nuova "Bat". Rovista nella cassetta e trova il tuo strumento.

Visita il nostro shop
e scopri tutti i nostri prodotti!

Ne abbiamo per tutti i gusti

LE NOSTRE

TECNOLOGIE

La nostra tecnologia è l'entusiasmo e l'esperienza sul verticale. Il resto conta meno e sono marchi registrati. Microfibre, cotoni intrecciati, lavorazioni Laser e ricerca sulle gomme: WildClimb è selvaggia, non si accontenta mai dell'esistente ed è sempre alla ricerca dello stato dell'arte.

LE NOSTRE

TECNOLOGIE

La nostra tecnologia è l'entusiasmo e l'esperienza sul verticale. Il resto conta meno e sono marchi registrati. Microfibre, cotoni intrecciati, lavorazioni Laser e ricerca sulle gomme: WildClimb è selvaggia, non si accontenta mai dell'esistente ed è sempre alla ricerca dello stato dell'arte.

Barbari… vi educherò

“Ci tieni lo stesso tu a scalare in mezzo a tutto quello che succede?… A tutto quello che si vede?… O invece è che non vedi niente?… Io credo proprio che tu te ne sbatti!… Fai il sentimentale mentre sei una bestia che non ce n’è un’altra… Ti vuoi attaccare a della ferraglia marcia? Con la tua trita retorica?… Ti va bene allora?… A me no!… Se senti niente tanto meglio per te! è che hai il naso tappato! Bisogna essere quei degenerati che siete tutti perché quella sosta non vi faccia schifo… Vuoi sapere quello che c’è tra me e te?… Eh be’ tra te e me, c’è tutta la vita… Ti basta mica alle volte?”

È un anno che dimenticheremo

Ceredo Alta Questo è un anno che dimenticheremo, altroché.  La retorica, per oggi, lasciamola riposare. L’anno 2020 lo dimenticheremo, come tutti gli altri. Se non altro per poter dormire sonni tranquilli, per riuscire ancora una volta a girare lo sguardo lontano...

Un drone chiamato Laura Rogora

Laura Rogora dice di avere un drone come il mio. Dice anche di essere più brava di me a pilotarlo. Io il suo drone non l’ho mai visto.

L’arrampicata sul granito dei Sette Fratelli in Sardegna

Mentre macino chilometri e playlist musicali penso spesso a quello che motiva i miei repentini spostamenti; rifletto su quella voglia di vedere, provare e scoprire non solo i miei limiti ma anche il bello e il nuovo

Arrampicatori Culturisti (capitolo 4)

In fin dei conti, arrampicare è proprio questa eterna tensione, è il passaggio da un equilibrio all’altro. Non un equilibro, non l’altro, ma il “mentre” che li divide. L’intensità del nostro sport vive di questa incertezza. Vive dell’istante in cui la mano trova respiro. Roccia, aria , roccia.

Arrampicatori Culturisti (capitolo 3)

Patrick sapeva che stava rischiando di compromettere la gara per un capriccio molto personale… era mosso – appunto – dalle “peggiori intenzioni”, ma quando sai fare molte cose e sai farle bene, del risultato ti frega il giusto. La felicità è altrove, in quella musichetta privata che ci canta dentro quando siamo veramente felici.

Arrampicatori Culturisti (capitolo 2)

… la vertigine, l’ottenebrante irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa.

Arrampicatori Culturisti (intro + capitolo 1)

Ci venivamo, noi, a cercare a tentoni la nostra felicità, che il mondo intero ci insidiava con rabbia. Ci vergognavamo di quella voglia, ma bisognava pur farci qualcosa! È più difficile rinunciare all’amore che alla vita.

Essere o fare la donna tra le montagne?

Pertanto non si tratta di “essere uomo” o “essere donna”, quanto piuttosto di “fare l’uomo” o “fare la donna”, insomma di costruire quella facciata che renda credibile la nostra persona di fronte alle aspettative di tutti gli altri.

Petra Campana

… ho fatto gare piangendo tra un blocco e l’altro, ma poi mi sono stancata di questa situazione. Oggi scalo meno tesa perché vedo tutto come un regalo. Ho svoltato in una gara, sempre a Bressanone, ho girato la situazione dal lato giusto.