Scarpette

Pantera

La scarpetta più wild

Mangusta

La pantera più fast

Pantera 2.0

Lo strumento per la placca

Pantera Laser

Perfetta per ogni inclinazione

Dagara

Morbida come un guanto

Bat

Precisione con il massimo comfort

Wildclimb

^

Azienda

Chi siamo
^

Pensiero

La nostra filosofia
^

Rivenditori

Negozi e rivenditori

Innovazione

^

Guida alla scelta

Ti aiutiamo a scegliere
^

Tecnologia

Le nostre tecnologie

Wild Stories

^

Ambasciatori

I nostri wild climbers
^

Storie

Racconti e storie selvagge
^

News

Scopri le nostre news
^

Climbeer

Mappe e anagrafe verticale

ACCOUNT

Il mio account

Il mio Carrello

Monte Ortobene Climbing – Sardegna

da | Ago 15, 2017 | Climb, news | 0 commenti

«No, non è vero che l’Ortobene possa paragonarsi ad altre montagne; l’Ortobene è uno solo in tutto il mondo: è il nostro cuore, è l’anima nostra, il nostro carattere, tutto ciò che vi è di grande e di piccolo, di dolce e duro e aspro e doloroso in noi. » G.Deledda

Con queste parole il premio Nobel (1926) per la letteratura Grazia Deledda descriveva il massiccio granitico che sovrasta la cittadina di Nuoro.

Proprio qui si trova una piccola falesia che iniziai a valorizzare qualche anno fa, dove ormai quello che si poteva salire è stato fatto

Rimangono solo progetti al limite della fattibilità, probabilmente destinati a generazioni future.

Sembrava non ci fossero più possibilità invece incredibilmente ho individuato una nuova linea, corta e boulderosa caratterizzata come sempre da piccoli e dolorosi cristalli.
In poco tempo è scattata la magia e ho iniziato a sognare, cosi dopo la pulizia e la chiodatura (indispensabile in questo caso), il desiderio di riuscire a decifrare la sequenza giusta di quarzi per venire a capo di questo difficile muro di granito è diventato sempre più forte.

In un giorno di luglio inaspettatamente fresco tutto è andato per il verso giusto e sono riuscito a chiudere il cerchio realizzando la prima libera di “Accanimento Terapeutico” per la quale ho proposto il grado di 7c….

Passa il tempo e  le generazioni ma a quanto pare la roccia di questa montagna continua a far sognare e regalare forti emozioni che vanno ben oltre un grado di arrampicata…

Filippo Manca